Galleria dei cetacei

La Galleria dei Cetacei, lunga oltre 100 metri, è stata ricavata dal fienile della Certosa e ospita la spettacolare collezione di scheletri di cetacei attuali, oltre a calchi di specie estinte e modelli a grandezza naturale.

La collezione di scheletri di cetacei del Museo, tra le più importanti d’Europa, fu istituita da Sebastiano Richiardi durante la sua direzione (1871–1891), ma fonti scritte testimoniano la presenza di cetacei nel Museo già nel 1626.

In totale la collezione del Museo conta 53 scheletri, di cui 19 esposti nella Galleria dei Cetacei.

I cetacei sono mammiferi adattati all’ambiente acquatico: sono praticamente privi di peli, ma con uno spesso strato adiposo; hanno una forma idrodinamica con fusione parziale o totale delle sette vertebre cervicali, arti anteriori trasformati in pinne, coda trasformata in pinna caudale orizzontale e arti posteriori assenti; le narici (sfiatatoi) sono arretrate in posizione dorsale per facilitare la respirazione fuori dall’acqua.

I cetacei sono divisi in due gruppi: odontoceti (cetacei con i denti) e misticeti (cetacei senza denti).

La prima parte della Galleria dei Cetacei è dedicata agli odontoceti.

La famiglia più numerosa è quella dei delfinidi qui rappresentata da: delfino comune, tursiope, grampo, orca, pseudoorca (solo cranio), lagenorinco e globicefalo. Tra gli odontoceti ritroviamo anche la focena e la neofocena (focenidi); il platanista del Gange (platanistidi) caratterizzato da occhi ricoperti di pelle non funzionali e da vertebre cervicali completamente mobili; la pontoporia (pontoporidi); il capodoglio (fisiteridi), l’odontoceto di dimensioni maggiori; il narvalo (monodontodi) il cui maschio è caratterizzato da un lungo e affusolato incisivo sinistro; il mesoplodonte e l’iperodonte (zifidi).

Il settore del capodoglio è già stato restaurato e così, accanto allo scheletro del capodoglio attuale, sono presenti i calchi di due crani di specie affini oggi estinte: il cranio del leviatano (Livyatan melvillei) nuova specie scoperta nel 2008 in Perù in sedimenti di circa 12 – 13 milioni di anni fa e il cranio dello zigofisetere (Zygophyseter varolai) ritrovato in Puglia in sedimenti di circa 11-7 milioni di anni fa. Entrambe le specie fossili hanno denti robusti e appuntiti simili a quelli dell’orca e si ritiene quindi che avessero una dieta simile alla sua, cioè che si nutrissero di grandi prede a sangue caldo, in particolare il leviatano, essendo un animale così grosso, forse poteva cacciare anche le balene! Il capodoglio attuale (Physeter macrocephalus), invece, non ha denti sulla mascella e i denti della mandibola sono relativamente piccoli e arrotondati e non vengono usati per cacciare. Il capodoglio si nutre di calamari, in particolare di calamari giganti che caccia fino ai 2.000 metri di profondità e che inghiotte per suzione, praticamente li afferra con la bocca e poi succhia per inghiottirli.

La seconda parte della Galleria dei Cetacei è dedicata ai misticeti caratterizzati dall’assenza di denti, sostituiti dai fanoni, spazzole di cheratina che dal palato scendono fino alla mandibola e consentono un’alimentazione per filtrazione. Possiamo ammirare in mostra i fanoni di un neonato di balena e gli scheletri di balena franca boreale (balenidi), megattera, balenottera minore, balenottera comune e balenottera azzurra (balenotteridi). La balenottera azzurra, con i suoi 30 metri di lunghezza, è il più grande animale oggi esistente, l’esemplare qui esposto è lungo circa 24 metri.